Bach: Minuetto in Sol minore (spartito per quartetto di clarinetti)

1801

Chi ha studiato pianoforte non può non conoscere il famigerato Piccolo Libro di Anna Magdalena Bach. Un vero e proprio must nella didattica del pianoforte, che resiste in questo ruolo da circa tre secoli. Johann Sebastian Bach fece dono di questo libro a sua moglie Anna Magdalena, intendendo consegnarle una raccolta manoscritta di piccoli brani suoi e di autori a lui coevi. Tra questi, famosissimo, il Minuetto in Sol minore.

Attribuito per decenni all’autore del manoscritto, si scoprì solo intorno al 1970 che il Minuetto in Sol minore era opera di Christian Petzold, compositore ed organista tedesco morto nel 1733. Ma nella pratica comune il titolo dello spartito continua ancora oggi ad essere accostato inesorabilmente a Bach. Si tratta di un brano scritto nello stile dell’epoca, in sol minore, con una breve divagazione centrale nella relativa maggiore.

MINUETTO IN SOL MINORE
dal Piccolo Libro di Anna Magdalena Bach
Spartito gratis per quartetto di clarinetti

Bach - Minuetto in Sol- | Spartito gratis per quartetto di clarinetti

Compositore: Christian Petzold
Arrangiatore: Vincenzo Penza
Organico: Quartetto di Clarinetti
Genere: Musica Classica
Difficoltà: Abbastanza facile

Nella versione pianistica alla mano destra vengono affidati i temi; la mano sinistra esegue invece un basso con funzioni armoniche, in grado di bilanciare o assecondare l’andamento ritmico della melodia grazie alla varietà delle figurazioni. Proponendo una versione del Minuetto in Sol minore di Bach (Petzold) per quartetto di clarinetti, Vincenzo Penza non rinuncia a queste caratteristiche del brano, ma le moltiplica.

Facile ipotizzare il primo clarinetto ed il clarinetto basso impegnati ad eseguire rispettivamente, con i dovuti adattamenti, le parti della mano destra e della mano sinistra. Questo è vero solo in parte: la melodia va al primo clarinetto, il basso va invece al terzo, eccezion fatta per la seconda sezione del brano, in cui passa al clarinetto basso. I due clarinetti rimanenti conferiscono originalità allo spartito, giocando con le terze, creando silenzi, aggiungendo enfasi ai levare, e solo di rado, raddoppiando linee.

Questo spartito è disponibile, oltre che in pdf, anche nei formati:

XML  SIB  MUS  MSCZ

Rispondi