Cavatina di Tansman, Preludio (spartito per trio di chitarre)

6229

L’arrangiamento della seconda parte del Preludio della Cavatina di Alexandre Tansman, elaborato da Edoardo Pieri per classi di Scuola Media ad Indirizzo Musicale, è destinato all’esecuzione da parte di un trio di chitarre. Lo scopo di tale proposta didattica appare evidente: rappresenta una preziosa occasione di avvicinare gli alunni della scuola secondaria di I grado ad uno dei brani più rappresentativi della letteratura chitarristica del Novecento.

La versione originale per chitarra sola è conosciuta come uno dei brani maggiormente eseguiti dai concertisti classici; occasione per il chitarrista di esprimere grazie ad un solo spartito le proprie capacità espressive, la cura del timbro, la solidità tecnica e la competenza musicale nella gestione della scrittura polifonica.

Tansman, Alexandre - biografia breve

PRELUDIO, dalla Cavatina di Tansman
Spartito Gratis per Trio di Chitarre

Preludio da Cavatina di Tansman - Spartito per Trio di Chitarre

Compositore: Alexandre Tansman
Arrangiatore: Edoardo Pieri
Organico: Tre Chitarre
Genere: Musica Moderna
Difficoltà: Intermedia

Quanto detto sottintende la complessità del brano e le evidenti difficoltà esecutive. Difficoltà magistralmente superate dal Pieri nell’arrangiamento proposto, attraverso una sapiente distribuzione del materiale sonoro alle tre chitarre. La suddivisione del Preludio della Cavatina di Tansman in tre registri sonori avviene attraverso l’affidamento della voce acuta alla prima chitarra, quella intermedia alla seconda e i bassi alla terza.

Nelle prime sei battute il tema viene distribuito tra la prima e la seconda chitarra mediante una scrittura contrappuntistica che produce un’unica idea melodica, frutto del sapiente gioco di accenti presente nella tessitura polifonica del brano ed intelligentemente conservato nello spartito realizzato.

La parte dei bassi ha invece l’evidente scopo di realizzare il necessario sostegno armonico, senza mai abbandonare il carattere contrappuntistico della scrittura, fatta eccezione di quattro battute in cui appare evidente l’approccio accordale del materiale presente: si tratta delle battute che precedono la ripresa del Preludio, occasionalmente modificata per condurre alla conclusione. Tutto avviene nel pieno rispetto della versione originale della Cavatina di Tansman, con la conservazione delle armonie e del moto delle parti, proprio della tessitura polifonica del brano.

Articolo precedenteIl Fantasma dell’Opera (Partitura per Orchestra Scolastica)
Articolo successivoCarmina Burana (partitura per orchestra scolastica)
Alfonso D’Avino si diploma a vent’anni in chitarra con il massimo dei voti sotto la guida del M° Arturo Tallini presso il Conservatorio “G. da Venosa” di Potenza. Sempre con il massimo dei voti ha conseguito anche il Diploma Accademico di II Livello per la Formazione Docenti e, con Lode, il Diploma accademico di II livello in Discipline Musicali, con una tesi su J. Rodrigo, pubblicata dalla Rivista Guitart. Nel 2004 ha conseguito la Licenza di Concertismo presso l’Ecole Normale di Parigi sotto la guida del M° Alberto Ponce. Laureato con Lode al DAMS di Tor Vergata: la sua tesi sulle musiche per chitarra di Hans Haug è stata pubblicata dalla rivista “Il Fronimo”; nel 2000, in occasione del centenario della nascita del compositore svizzero, ne ha eseguito il Concerto per chitarra e orchestra sotto la direzione del M° Raffaele Napoli. Vincitore di diversi concorsi chitarristici nazionali ed internazionali, è stato ospite della trasmissione di RAI Radio 3 “La stanza della musica” e di prestigiosi festival internazionali, esibendosi, oltre che in Italia, anche in Germania, Francia e Montenegro. Sue esibizioni sono state trasmesse da emittenti radiofoniche e televisive nazionali ed internazionali. Ha svolto attività didattica presso i Conservatori di Agrigento e Vibo Valentia. Ha pubblicato per le Edizioni Salatino il libro “Guida allo studio della tecnica chitarristica” e, per l’etichetta Guitart Collection, il Cd del Mirror Guitar Duo “Due chitarre del Novecento”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here