Vai al contenuto

Ave Maria di Gounod (spartito per pianoforte)

    Charles Gounod improvvisò una melodia sulle note del Preludio n.1 in do maggiore dal Clavicembalo Ben Temperato di Bach. Il futuro suocero Pierre-Joseph-Guillaume Zimmermann trascrisse l’improvvisazione, e ne nacque un brano per violino (o violoncello) e pianoforte (1853). Nello stesso anno vi fu aggiunto il testo di “Le Livre de la Vie” (Alphonse de Lamartine). Nel 1859 Jacques-Leopold Heugel pubblicò una versione utilizzando il testo latino dell’Ave Maria. Nacque così la famosa Ave Maria di Gounod.

    Oggi l’Ave Maria di Bach / Gounod rientra a pieno titolo tra le Ave Maria più note di tutti i tempi, al fianco dell’intramontabile Ave Maria di Schubert e della sempre più conosciuta Ave Maria di Caccini. Le versioni dell’idea di Gounod non si contano ormai più: esistono spartiti per quartetto d’archi, per voce e pianoforte, per violino e chitarra, per ensemble di ottoni. I cantanti più famosi si sono confrontati con questo brano di musica classica, non ultimi il compianto Luciano Pavarotti e Andrea Bocelli.

    AVE MARIA, Gounod
    Spartito gratis per pianoforte

    Compositore: Charles Gounod
    Arrangiatore: GC
    Organico: Pianoforte
    Genere: Musica Classica

    Il Preludio n.1 di Bach è già di per se piuttosto impegnativo per un allievo di scuola media ad indirizzo musicale di livello medio. Pensare di sovrapporre una melodia significherebbe affidare alla sinistra l’intero preludio, e alla destra la conduzione del tema. Questo ovviamente non è proponibile. Le strade per l’Ave Maria di Gounod al pianoforte sono allora due: o l’estrema semplificazione della sinistra, rinunciando al moto perpetuo del preludio, o la condivisione delle responsabilità tra le due mani. Si è scelta la seconda via.

    L’impegno maggiore, e al contempo l’esercizio didattico più impegnativo, è della mano sinistra. Si può notare già ad un primo colpo d’occhio che, dopo l’introduzione (pressocchè identica all’originale), la scrittura si infittisce a sinistra e si dirada a destra. Lo spartito è così configurato per l’intera sua durata (o quasi): la sinistra si incarica di eseguire quasi interamente gli accordi arpeggiati, e la destra contribuisce a completarli, mentre intona le note del canto.

    Per rendere l’esecuzione della sinistra più facile, si è provato a non modificare mai la posizione della mano all’interno della battuta, in modo da limitare gli spostamenti solo a quelli richiesti dai frequenti cambi di armonia. La destra è invece più impegnativa sotto l’aspetto del tocco pianistico: dovranno distinguersi chiaramente le note del tema da quelle dall’accompagnamento.

    Ave Maria di Gounod | spartito gratis per pianoforte facile

    O richiedi il formato Mus, Sib, Mscz, Xml

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    5 × due =