Vai al contenuto

Bella Ciao (spartito per pianoforte)

    Bella Ciao, il canto simbolo della resistenza partigiana al fascismo in Italia, in realtà non fu cantanta dai partigiani, se non in pochissimi casi, localizzati tra Modena e Reggio Emilia. Sconosciuta ai più, questa canzone dalle origini ancor oggi molto dibattute, cominciò a farsi largo nel dopoguerra grazie ai festival della gioventù democratica, nei quali era l’inno ufficiale dei delegati italiani.

    Per divenire così rappresentativa del movimento partigiano, Bella Ciao dovette aspettare vent’anni dalla fine della guerra. Da allora lo spartito è stato utilizzato nelle manifestazioni più disparate. In Italia, certo, ma anche all’estero, dove di recente ha nuovamente fatto parlare di sè grazie all’utilizzo nella popolare serie Netflix “La Casa di Carta“.

    BELLA CIAO
    Spartito gratis per pianoforte

    Compositore: Anonimo
    Arrangiatore: GC
    Organico: Pianoforte
    Genere: Tradizionale

    L’arrangiamento di Bella Ciao che stiamo per proporvi si può utilizzare come un corpo unico, o come un assemblaggio di tre parti distinte. Nel primo caso questa versione per pianoforte suonerebbe come una sorta di tema con semplici variazioni al contrario, nel quale si giunge all’ultima variazione attraverso un avvicinamento progressivo all’originale.

    In caso si voglia utilizzare lo spartito come fosse un insieme di tre brani distinti, la prima versione sarebbe senz’altro la più facile (i primi due righi comprendono melodia e basso, con un paio di volatine a sinistra). Il secondo brano (righi 3 e 4), una versione simile a quella canonica, con un accompagnamento lento formato da basso e bicordo, sempre alternati. Nel terzo brano, lo stesso accompagnamento si infittisce in crome.

    bella ciao | spartito gratis per pianoforte facile

    O richiedi il formato Mus, Sib, Mscz, Xml

    Testo di Bella Ciao

    Per chi volesse cantare Bella Ciao, magari accompagnandosi al pianoforte col nostro arrangiamento semplificato, forniamo il testo integrale:

    Una mattina mi son svegliato
    O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao
    Una mattina mi son svegliato
    E ho trovato l'invasor

    O partigiano porta mi via
    O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao
    O partigiano porta mi via
    Che mi sento di morir

    E se io muoio da partigiano
    O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao
    E se io muoio da partigiano
    Tu mi devi seppellir

    Mi seppellire lassù in montagna
    O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao
    Mi seppellire lassù in montagna
    Sotto l'ombra di un bel fiore

    E le genti che passeranno
    O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao
    E le genti che passeranno
    Mi diranno: "Che bel fior"

    È questo il fiore del partigiano
    O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao
    È questo il fiore del partigiano
    Morto per la libertà

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    18 − quindici =