Carmina Burana (partitura per orchestra scolastica)

Carmina Burana - O Fortuna - Partitura gratis per Orchestra Scolastica

All’interno del Codex Buranus, conservato a Monaco di Baviera, figurano i Carmina Burana, una serie di componimenti poetici dell’XI e XII secolo, dai contenuti variegati (si va dall’eros e dal divertimento alla critica morale nei confronti della Chiesa). Appare evidente che questi testi fossero stati pensati per essere cantati, e che quindi esistessero per ognuno di loro, relative musiche. Ma non sono mai state ritrovate, per cui si è provato a ricostruirle sulla base dei pochissimi spunti filologici a disposizione.

Chi ha deciso di utilizzare questi testi poetici per creare una partitura molto poco filologica, ma di valore assoluto sotto il profilo musicale, fu Carl Orff, che tra il 1935 ed il 1936 creò probabilmente la cantata scenica più famosa al mondo, gli omonimi Carmina Burana. L’organico comprendeva tre cantanti solisti, cinque solisti brevi, un coro grande, uno piccolo, uno di voci bianche, ed un’orchestra mastodontica.

O FORTUNA
dai Carmina Burana di Carl Orff
Partitura gratis per Orchestra Scolastica

https://www.youtube.com/watch?v=uQbvsSbkg4s

Compositore: Carl Orff
Arrangiatore: Gaetano Depalma
OrganicoFlautoClarinettoTrombaPianoforteChitarraViolino, Violoncello, Percussioni
Genere: Musica Classica, Musica Moderna
Difficoltà: Abbastanza Facile

Il brano più conosciuto dei Carmina Burana è senza dubbio O Fortuna, che apre e chiude la composizione. Gaetano Depalma ne ha realizzato un arrangiamento per renderne possibile l’esecuzione ad un’orchestra di Scuola Media ad Indirizzo Musicale, ridimensionando le difficoltà tecniche e soprattutto ritmiche dello spartito originale, senza per questo inibirne in alcun modo il prorompente effetto musicale.

Dopo l’apoteotica introduzione, l’orchestra comincia ad eseguire il tema di 12 battute, ripetuto due volte, e replicato con l’ingresso al canto della terza. La partitura di Depalma, come quella di Orff, prevede a questo punto la ripetizione della struttura appena esposta, con una piccola variazione melodica ascendente nel primo finale della parte in terze, ripresa nella terza esposizione, quella in cui l’orchestra esplode improvvisamente, prima del pirotecnico finale.

L’arrangiatore ci ha fornito anche una descrizione personale del suo lavoro, e delle indicazioni esecutive che troviamo utile riproporre integralmente:

  • Il brano è molto semplice, può essere eseguito anche dai ragazzi di prima media
  • Fino a battuta 7 il brano cambia tempo ogni battuta. L’originale è in 3/1. Ho preferito modificarlo in questo senso per renderne più semplice l’esecuzione.
  • Da battuta 8 in poi il brano è in 2/4 anziché in 3/2 per lo stesso motivo, l’ostinato “re-do-la-re” del pianoforte diventa di più semplice esecuzione. Le parti tematiche, seppur sfasate rispetto al 2/4 in cui il brano è suddiviso, non risultano difficili da eseguire, dato che il tema è molto conosciuto e sono comunque segnati gli accenti originari del 3/4.
    L’ostinato “re-do-la-re” può essere eseguito anche da uno xilofono continuamente da battuta 8 a battuta 103.
  • Dalla battuta 68 in poi la parte dei piatti può essere raddoppiata dal Tam Tam.
  • La trascrizione nasce per essere eseguita in forma solo strumentale, quindi è comunque eseguibile anche senza il coro a 2 voci .
  • Per rendere eseguibili dalla maggior parte degli strumenti ho cercato di tenere l’estensione del brano all’interno del pentagramma. A discrezione del direttore è possibile alzare o abbassare di una ottava le parti (es. da battuta 8 a 67 la parte di “Alti 2 in DO” se suonata da un flauto, può essere alzata di una ottava)
Carmina Burana - O Fortuna - Partitura gratis per Orchestra Scolastica

Questo pdf non è più distribuibile per ragioni di copyright

Orff, Carl - Biografia breve

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *