Flauti traverso da studio: in plastica o in metallo?

flauto traverso da studio in plastica o metallo

Quando si deve acquistare un flauto da studio la maggior parte delle persone opta automaticamente per uno strumento in metallo, in quanto si tratta del materiale più comune con cui i flauti moderni, ancora oggi, vengono fabbricati. Non tutti però sanno che esiste una gamma di flauti in plastica che sta conquistando una sempre maggiore fetta di popolarità nel mercato destinato agli studenti.

In linea generale si tratta di strumenti musicali che hanno le stesse dimensioni, le stesse chiavi e le stesse aperture di un tradizionale flauto in metallo, e possono essere acquistati sia con testata diritta che curva. Questa possibilità di scelta li rende particolarmente adatti ai giovani musicisti di appena 5 anni.

VANTAGGI DEL FLAUTO IN PLASTICA

i vantaggi dei flauti in plastica

PESO

Uno dei principali vantaggi di un flauto in plastica è il peso; questi strumenti musicali, infatti, sono notevolmente più leggeri rispetto ai loro omologhi in metallo. Vantano un peso di appena 255 grammi contro quello di un flauto da studio tradizionale che può, invece, arrivare a pesare addirittura più di due volte tanto! Questo potrebbe non essere un grande problema per un adolescente o per un adulto, ma può fare la differenza per i musicisti più giovani o per più piccoli che, spesso, faticano a sostenere il peso di un flauto in metallo pur mantenendo una buona postura.

PULIZIA

Un altro motivo per cui i flauti Nuvo sono un’ottima opportunità per i giovani musicisti è che sono estremamente facili da pulire. Tutti gli strumenti musicali di questo marchio fabbricati in plastica sono stati progettati in modo da poter essere completamente immersi in acqua per una pulizia profonda. E’ consigliabile però adoperare anche del sapone, uno scovolino ( farà la differenza ) e preferire l’acqua tiepida rispetto a quella a temperatura ambiente.

PERSONALIZZAZIONE

I flauti Nuvo offrono molto di più. Consentono anche un certo grado di personalizzazione. E’ possibile cioè apportare loro delle modifiche in modo tale da rendere lo strumento musicale più semplice da suonare. Lo stesso flauto può infatti essere adattato sia ad un musicista alle prime armi sia ad uno studente già esperto. Inoltre i Nuvo hanno in dotazione delle estensioni che si possono mettere o togliere così da agevolare i bambini che hanno le dita più corte. Per non parlare poi dell’imboccatura “prime note” che può essere usata mentre lo studente sta apprendendo la postura, la diteggiatura ed emette i primi suoni.

 

VANTAGGI DEL FLAUTO IN METALLO

i vantaggi dei flauti in metallo

Se si dovesse, invece, optare per l’acquisto di un flauto in metallo, come già detto per gli omologhi in plastica, sono disponibili testate sia dritte che curve. Queste ultime accorciano la distanza tra il foro di imboccatura e la prima chiave del meccanismo da 23 centimetri a 9 cm semplificando di fatto lo studio del flauto da parte dei musicisti più giovani. I flauti tradizionali, inoltre, presentano un vantaggio in più. Se acquistate uno strumento musicale con una testata ricurva, come ad esempio il “Sonata FLU701″, questi flauti sono spesso forniti anche della testata dritta in modo tale da permettere allo studente di continuare ad esercitarsi sempre con lo stesso strumento.

DURATA

Il vantaggio di un flauto in metallo è la durata del suo utilizzo nel tempo. Uno studente alle prime armi, infatti, potrebbe progredire nella conoscenza dello strumento musicale prescelto per molti anni prima di dover seriamente pensare all’acquisto di un modello più evoluto. I flauti in plastica, invece, sono eccellenti per i principianti, ma, molto probabilmente, i musicisti interessati a un maturazione professionale dovranno quasi subito passare ad un flauto intermedio per poter progredire nello studio e, di conseguenza, come musicisti.

SUONO IN ENSEMBLE

Se la domanda da un milione di dollari riguarda l’eventuale differenza di suono prodotto dai due tipi di materiali ( metallo e plastica ), allora la risposta sbalordirà quasi sicuramente. Il tono dei flauti in plastica, infatti, è molto simile a quello degli omologhi in metallo. Tuttavia, si può iniziare a notare una certa differenza quando si inizia a suonare in ensemble perchè ci si rende conto che le due sonorità non riescono a fondersi insieme perfettamente come potrebbe, invece, capitare tra due flauti dello stesso materiale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *