Vai al contenuto

Torna a Surriento (spartito per quartetto di flauti)

    Ernesto de Curtis fu autore di centinaia di canzoni napoletane. Tra le sue più belle, e sicuramente tra le più famose, figura “Torna a Surriento“. Per comporre questa canzone napoletana Ernesto si avvalse della collaborazione, in realtà costante per tutta la sua carriera, del fratello Giambattista, che ne scrisse il testo. Non da molto si è riusciti a collocare la reale data di composizione di Torna a Surriento al 1894, anzichè al 1904, come erroneamente si riteneva.

    E’ recente, infatti, la scoperta dello spartito per pianoforte in Edizione Bideri. Al tempo, si dice, Ernesto si sarebbe lasciato ispirare dal canto di un usignolo nell’ideazione delle prime cinque note della canzone. Fu presentata al pubblico per la prima volta nel 1902, in occasione della visita a Sorrento di Giuseppe Zanardelli, Presidente del Consiglio. La canzone avrebbe dovuto sollecitare il Primo Ministro ad avviare una serie di opere pubbliche nella città campana.

    TORNA A SURRIENTO, Canzone napoletana di E. De Curtis
    Spartito gratis per 4 flauti

    Compositore: E. De Curtis
    Arrangiatore: Alfonso Ponte
    Organico: 4 flauti
    Genere: Tradizionale

    Questo arrangiamento di “Torna a Surriento” per quartetto di flauti ci è stato inviato da Alfonso Ponte, ed è stato realizzato per allievi di scuola media ad indirizzo musicale. Le quattro voci si rincorrono, si rilanciano, si intrecciano per l’intera durata del brano, e lo fanno con un solo punto fermo: i temi della strofa e le note del ritornello sono saldamente in mano al flauto primo. Gli altri tre flauti rivestono funzioni diverse, ma nel complesso, parimenti fondamentali.

    La fitta rete di rimandi, echi, e sovrapposizioni che si avvicendano di continuo in questo spartito comincia da battuta 5. In particolare, flauto 1 e 2 cominciano una sorta di gara d’alternanza, nella quale ad ogni stasi dell’uno corrisponde il movimento dell’altro. Sono rari i punti in cui i primi due flauti si muovono insieme, ma intenzionali e significativi. I flauti 3 e 4 rivestono ruoli ora più armonici, nella creazione progressiva di semplici accordi, ora più polifonici, quando contribuiscono ad infittire i tessuti musicali di questa versione stile “moto perpetuo” della canzone napoletana.

    torna a surriento | spartito gratis per 4 flauti

    O richiedi il formato Mus, Sib, Mscz, Xml

    De Curtis, Ernesto - Biografia Breve

    Torna a Surriento: Testo

    Per chi fosse interessato ad aggiungere una voce, o un coro a questo arrangiamento, forniamo il testo completo di Torna a Surriento, qui di seguito.

    Vide 'o mare quant'è bello
    Spira tantu sentimento
    Comme tu a chi tiene a mente
    Ca scetato 'o faie sunnà
    
    Guarda qua, chistu ciardino
    Siente, sì sti sciure arance
    Nu profumo accussì fino
    Dinto 'o core se ne va
    
    E tu dici "io parto, addio!"
    T'alluntane da stu core
    Da sta terra de l'ammore
    Tiene 'o core 'e nun turnà
    
    Ma nun me lassà
    Nun darme stu turmiento
    Torna a Surriento
    Famme campà
    
    Vide 'o mare de Surriento
    Che tesoro tene nfunno
    Chi ha girato tutto 'o munno
    Nun l'ha visto comm'a ccà
    
    Guarda attuorno sti serene
    Ca te guardano 'ncantate
    E te vonno tantu bene
    Te vulessero vasà
    
    E tu dici "io parto, addio!"
    T'alluntane da stu core
    Da sta terra de l'ammore
    Tiene 'o core 'e nun turnà?
    
    Ma nun me lassà
    Nun darme stu turmiento
    Torna a Surriento
    Famme campà

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    otto − sei =